giovedì, agosto 07, 2008

Svegliati, gialla, svegliati
forse il mondo non ti appare nitido
forse l’è fin troppo

Io credo non ti accontenterai
forse capirai tardi
e il tempo sarà fuggito
io dimenticato
forse presto
io cercato

La paura ti assale
il tuo mondo perfetto sconvolto
non te l’aspettavi

Ti nascondi dietro la ragione
l'irrazionale non potevi calcolarlo
eppur è giunto
sorpreso pure lui
non tornerai più la stessa forse te
ha capito cosa cercare forse lui
ha capito di saperlo già troppo
hai capito di fingere di inseguire un mondo sbagliato
questo sì.

Anima affine
sei per me, sei stata e sarai.
Ciò che ho vissuto,ciò che sei,tu
resterai eternamente dentro di me
un frammento d'anima azurra e gialla
così simile alla mia.

domenica, agosto 03, 2008

Color cielo

Azurro
plumbeo sorridi al mondo
appari silenzioso
affiori lentamente e sordamente
nella notte stellata

quasi non ti vedo
sornione sgusci tra le onde
rifletti tranquillo l'uomo insonne
nella trasparenza inseguo
il fascinoso ombreggio dell'umano vivere
un sottile essere superiore che abbonda
silenzioso nel mondo esonda
appare all'uomo
che men silenzioso crolla

insegue percorre palpita
capisce e sembra che nol faccia
ricorda un sentiero scosceso
corre su veloce e tu l'sai
ma arrivato verso la cima
stanchi ancora una volta
il tuo cor leggero

leggero appaio
duro sembro
fragil in apparenza
sensibil sono

sicurezza azurra sol tu m'hai dato
assente e presente
sei anche se nol sembri

io affannoso uomo in quest
ti trovo
sembra
forse sei stata tu
sicuramente entrambi sentiamo il giusto destino

ti affioro
ti sento
ti capisco
mi capisci
soli.